Written by 6:30 am Oratoria - Hodie

Cordero, il giurista letterato

È scomparso un grande uomo di cultura, sintesi perfetta del giurista e del letterato. Ma Visiones vuole ricordarlo anche per quanto scrisse già decenni fa, stigmatizzando le ‘brutture’ della lingua del diritto trasformata in ‘giuridichese’:

“Lessico opaco, gergale, criptico, elusivo, e sintassi tortuosa. Persino i lettori esperti ogni tanto faticano a capire. Spira ipnosi dagli stereotipi: parole, sintagmi, frasi, interi discorsi, passano tali e quali in mille testi; l’asfissiante mimetismo esclude ogni parola viva. Quasi una scrittura automatica, alimentata dal ciclo sonnolento delle “massime”, dove astrazioni a maglie larghe sorvolano su qualità nient’affatto inutili alla diagnosi giuridica; alcune non corrispondono al clou deciso; e tali distonie riproducono i vecchi arcana. Povero lo scandaglio nomenclatorio, deboli trame sintattiche: ai due difetti supplisce l’enfasi; quanto meno dicono, tanto più declamano. Correlativamente al deperimento espressivo logico proliferano segnali allusivi, o così recepibili: condanne e proscioglimenti incidono su interessi individuali e collettivi; impossibile che atti simili nascano gratuiti; quando l’autore li formula in termini oscuri o ambigui, supponiamo che le ragioni effettive siano sommerse. Sensazione devastante. Risulta tossico anche l’eretismo dialettico: qualcuno […] accumula pagine a dozzina “dimostrando” come una formula legale dal senso ovvio significhi l’opposto dell’apparente, in guerra con lessico, ortografia, grammatica […]. Non sono difetti da poco […] in tali limiti suona velleitaria ogni proposta sui rimedi. Dipendesse da me, allestirei il tirocinio degli apprendisti su due regole. Prima: imparino a usare i testi legali […]. Seconda: dicano tutto quanto conta, scrivendo poco e chiaro.”

F. Cordero, Stilus Curiae, in Rivista italiana di diritto e procedura penale, 1986, p. 33.

Sulla lingua del diritto e sui problemi del ‘giuridichese’:

Calvino I., Una pietra sopra. Discorsi di letteratura e società, Einaudi, Torino, 1980

Carofiglio G., Con parole precise. Breviario di scrittura civile, Laterza, Bari-Roma, 2015

Mortara Garavelli B., Le parole e la giustizia. Divagazioni grammaticali e retoriche su testi giuridici italiani, Einaudi, Torino, 2001

Sposito G., In nome della lingua italiana. Manuale di scrittura forense, Intra, Pesaro, 2020


Sui quotidiani:

Paolo Di Stefano, Morto Franco Cordero, il giurista letterato, in Corriere della Sera, 8 maggio 2020

Roberto Esposito, Morto Franco Cordero, il giurista che inventò il “Caimano”, in la Repubblica, 8 maggio 2020

Franco Cordero morto, addio al giurista e scrittore che paragonò Berlusconi al Caimano, in Il Fatto Quotidiano, 8 maggio 2020

(Visited 111 times, 1 visits today)